CATTIVO COSTUME

banda musicale performativa itinerante

Buon 2017

Agli amici e a tutti quelli che in qualche modo abbiamo incontrato col cuore, ci auguro condizioni di vita migliori, salute per continuare a percorrere le vie dei sogni e occhi aperti per saper riconoscere gli inganni del potere. Buon anno dai Cattivo Costume, augh!

Disco nuovo IV 

In questo periodo, tra date in Basilicata, presentazioni di libri e spettacoli dell’opera dei pupi Corelli, continuano con piacere le registrazioni del nostro disco a Studio 35. È la volta delle voci.

Per quanto mi riguarda, non sono mai stato meglio di così in uno studio di registrazione. L’atmosfera è rilassata, l’incanto per il lavoro che stiamo facendo insieme a Nicodemo e Giovanni Paglioli influisce nelle performance positivamente e siamo davvero contenti di questo.

Il lavoro creativo prosegue e tutto ci è estremamente familiare. Nicodemo e Giovanni fanno tutto con passione e professionalità.

Continuano gli ospiti sul disco e ritorna il mitico Carlo Roselli, questa volta alla chitarra classica.

Poi è la volta di Luca Buoninfante, eccezionale polistrumentista, che ci strabilia con i suoi suoni e la sua visione musicale. Gliene siamo davvero grati. È un grande!

Ed infine, per il momento, è la volta di Camillo Mascolo alla batteria, suonata secondo la visione orchestrale di Nicodemo. Camillo è un mito ed ha un tocco ed un suono spaventosi, tanta classe ed energia. E’ il batterista della factory XXXV.

Ringraziamo tutti, per il modo con cui vi state approcciando a questo lavoro, siamo davvero estasiati.

Per ora per le cronache da un disco è tutto, continuate a seguirci che le sorprese sono appena cominciate.

Grazie XXXV.

La canzone dei migranti

La canzone dei migranti è il titolo del nuovo romanzo di Fabio Rocco Oliva e domani al Pompei Lab, alle 20:30 avremo il piacere di sonorizzare l’evento di presentazione del libro insieme a Chiara Vitiello. A Fabio ed alla sua scrittura ci lega un’emozione forte, quella che nel 2011 provammo quando scrisse una recensione per Labirinto (omaggio a Verdirosi), lo spettacolo che segnava il ritorno sulle scene di Cattivo Costume dopo qualche anno di fermo. L’incontro con Chiara è stato magico, come quelli che piacciono a noi. Ci siamo visti ed insieme alle parole di Fabio abbiamo cominciato a risuonare, ne è nata una performance e vi aspettiamo domani per condividerla insieme a voi.

‘O cunto all’Artemisia 

Davvero una gran bella serata al Caffè letterario Artemisia di Baragiano. Organizzata per l’ascolto da Mimmo Pizzichillo e piena di incontri risonanti.

‘O cunto all’Absolute

Raramente abbiamo incontrato gestori come Marco, gli auguriamo davvero tutto il bene dell’universo. Grazie Absolute

https://www.facebook.com/ABSOLUTE-CAFE-121458723993/

Premio Ignazio Buttitta ad Ezio Noto

Ezio Noto, Disìu, Dedalo Festival, fratello maggiore di tanti passaggi umani e artistici Premio Ignazio Buttitta per le tradizioni popolari.

Davvero felici per lui.

Domenico Carella

Ieri è passato oltre Domenico Carella, un meraviglioso essere umano e un grande artista.

Riconoscersi è la parola che aleggiava quando ci siamo incontrati. Ci uniamo al dolore di Barbara e dei tuoi cari.

Queste le parole pubbliche che hai avuto per noi…conserveremo nel cuore l’attimo eterno.

“Grande Marco e Roberta, due persone, due artisti speciali, dove le menti si incontrano felicemente e serenamente, in scambi di esperienze passate e presenti, proiettati verso il futuro, sempre positivo e costruttivo, noi, io e Barbara La Ragione, siamo stati benissimo, alla grande è l’onestà di questo vino ne è la testimonianza, a presto, vi abbracciamo entrambi, e ci vediamo domani al vostro concerto, ancora grazie Carmine …”

Vi invitiamo a cercare la sua arte.


Ciao Domenico

Il Maestro Lucio Corelli

circoblu

img_20161004_153421

Stamattina abbiamo avuto l’onore di incontrare il Maestro Lucio Corelli, discendente di una famiglia di opranti che risale al 1800. Il Maestro porta con se la memoria storica e i codici dell’opera dei pupi di scuola napoletana. Attualmente a Palazzo Criscuolo di Torre Annunziata c’è una mostra dei suoi pupi napoletani.

Lucio Corelli, 78 anni ad oggi, stava montando il suo teatro perché appena possibile farà degli spettacoli e sta cercando di mettere su una compagnia, per amore di quest’arte, per far sì che non si perda la memoria e il mestiere di cui lui è l’ultimo esponente.

View original post 211 more words

Disco nuovo III – Carlo Roselli

Questi giorni, a Studio XXXV, abbiamo lavorato con Giovanni Paglioli che continua a stupirci e abbiamo avuto l’onore, la fortuna e il piacere di incontrare Carlo Roselli, regista, attore e musicista presso Teatri Sospesi.

http://www.teatrisospesi.org

Giovanni ha chiamato Carlo per una collaborazione sul nostro disco. Carlo è un grande artista e soprattutto un meraviglioso essere umano, di quelli che ti lasciano una sensazione positiva per giorni, di quelli che insieme a loro ridi di gusto. Avremmo voluto farvi sentire i dialoghi tra loro ma eravamo troppo impegnati a sbellicarci dalle risate.

Carlo Roselli porta con se i suoni delle tradizioni dei popoli della terra e ti fa fare il giro del mondo. Nel disco ha suonato l’oud, il rabab e la citola.

Gli siamo grati e andremo a vedere i suoi spettacoli teatrali e i suoi concerti. Fa bene allo spirito e lo consigliamo vivamente.

Grazie Studio XXXV.

Continua… Cronache da un disco.

Disco nuovo II – Studio XXXV

Cominciati i lavori di registrazione del disco a Studio XXXV con Nicodemo e Giovanni Paglioli.

Il primo giorno abbiamo solo parlato, Nicodemo è arrivato in studio con un blocco di fogli con appunti per ogni brano e ci ha illustrato la direzione. L’abbiamo vista, sentita, a Studio XXXV hanno un approccio unico nel lavorare, si sta bene e siamo davvero contenti.

Poi, si entra in sala con Giovanni Paglioli “L’ingegnere del suono”, l’ambiente è rilassato e vedere Giovanni microfonare gli strumenti è un’altra esperienza unica, cambia tipo di microfonazione, sullo stesso strumento a seconda delle parti da eseguire…uno spettacolo.

Giovanni, come Nicodemo, innanzitutto ascoltano, prerogativa non di tutti. Poi valorizzano le tue idee con la loro creatività ed esperienza.

” ciao, sono Giovanni e vi presento il Suono”

Abbiamo registrato chitarre, tamburi a cornice, metallofono.

I brani cominciano a prendere forma.

Si lavora rilassati, c’è anche il tempo per parlare, conoscere le storie personali, filosofia di vita e di cammino artistico…e capiamo sempre più perché siamo qui ora.
Insomma, grandi Nicodemo e Giovanni Paglioli, onorati e felici di lavorare con voi.

Seguiteci sul nostro blog per queste “cronache da un disco”

Continua…

Post Navigation